From the monthly archives: ottobre 2006

Oltre 1 anno fa l’Assessore alla Sanità prometteva interventi, non ancora realizzati, in favore dell’assistenza psichiatrica pubblica in risposta al prof. Sergio Piro che accusava la Regione e l’Assessorato alla Sanità di voler affidare l’emergenza psichiatrica al 118

Il 28/08/05 il prof.

Continua a leggere

La maggioranza degli psichiatri e numerosi infermieri dei DSM della Campania hanno intrapreso un’azione legale senza precedenti contro le ASL campane per le gravi carenze dei servizi psichiatrici, mentre operatori di altre regioni vanno unendosi al movimento (apparso su Sole 24 Ore Sanità)

Una vera propria rivoluzione sta realizzandosi in questi giorni nei DSM della Campania: circa 400 tra psichiatri e infermieri hanno già aderito a un’azione legale contro buona parte delle ASL della Regione Campania, mentre altri operatori sia della Campania, sia di altre regioni, vanno unendosi al movimen

Continua a leggere

Nuova raccolta firme del Comitato Familiari Sofferenti Psichici di Napoli che denuncia gravi carenze dell’assistenza psichiatrica e chiede interventi urgenti. Intervengono il Prefetto di Napoli e i NAS, mentre le altre Istituzioni restano indifferenti

Riprende la raccolta firme del Comitato Familiari Sofferenti Psichici di Napoli che ha già raccolto e inviato, a marzo 2006, un documento sottoscritto da oltre 500 cittadini, dove si denunciavano gravi carenze dell’assistenza psichiatrica pubblica e si chiedevano interventi urgenti.

Continua a leggere

La psicoterapia sostiene il paziente sia nel processo di un più funzionale adattamento, sia nello sviluppo delle parti più profonde attraverso un percorso di conoscenza, che lo coinvolge sia a livello emotivo che cognitivo e relazionale.
È dunque cura, laddove contribuisce ad alleviare i disagi ed i conflitti ed anche conoscenza, laddove favorisce l’introspezione come capacità di comprensione del proprio esserci nel mondo.
Quello psicoterapeutico è un rapporto a due: da un lato il terapeuta, dall’altro il singolo paziente oppure la coppia oppure il nucleo familiare oppure il gruppo.

Continua a leggere

Su “Il Sole 24 Ore Sanità” di martedì 24/10 è apparso l’articolo: “Campania. Servizi pichiatrici carenti: professionisti mobilitati contro la Regione” (è possibile consultare l’articolo anche registrandosi gratuitamente sul sito de Il Sole 24 ore Sanità, al link http://www.sanita.ilsole24ore.com )

Continua a leggere

L’Associazione Italiana Psichiatri contesta i dati sulla qualità dell’assistenza psichiatrica pubblica in Italia presentati al recente congresso della Società Italiana di Psichiatria, perché non condivide la metodologia dell’indagine e riporta i dati della OMS e dell’Istituto Superiore di Sanità che vedono l’Italia come il fanalino di coda dell’Europa nell’assistenza psichiatrica.

Continua a leggere

(Fonte: “Il Mattino” del 20/10/2006) Bonus da rischio o oneri da surplus lavorativo percepiti a tappeto da infermieri di strutture pubbliche. Intascati anche dal personale che non lavora nei reparti dove si applicano quelle indennità.

Continua a leggere

«Il trattamento sanitario obbligatorio non è strumento preventivo, volto alla tutela dell’interessato o di terzi». Se viene disposto senza rispettare la legge, non conta che poi il paziente lo abbia trasformato in ricovero volontario né che siano state verificate ex post le ragioni per richiederlo: il malato ha comunque diritto al risarcimento del danno subìto.

Continua a leggere

Sono neuropsichiatra infantile e mi permetto di scrivere per comunicare la gravissima situazione in cui versa anche la neuropsichiatria infantile campana: i servizi che esistono non sono omogenei sul territorio e quelli presenti sono con gravi carenze di organico tanto da non riuscire a soddisfare tutte le richieste. La neuropsichiatria infantile in Campania non prevede nessuna degenza per situazioni di urgenza- emergenza e le famiglie come i minori sono lasciati o in totale abbandono o debbono sottoporsi a ricoveri impropri per l’età presso i DSM per adulti.

Continua a leggere

La Cgil denuncia carenze di letti e operatori “Siamo al di sotto del limite stabilito dalla legge almeno del 40 per cento”

Le strutture psichiatriche e la rete di assistenza territoriale a Roma e nel Lazio sono del tutto carenti. Lo denuncia la Cgil. Tra i problemi la mancanza di posti letto nei servizi psichiatrici di diagnosi e cura (Spdc). «Siamo al di sotto del limite stabilito dalla legge – spiega Tiziano Battisti, segretario Cgil di Roma e Lazio – almeno del 40 per cento».

Continua a leggere