From the monthly archives: marzo 2007

Non sono soltanto i Centri di Salute Mentale a rischiare la paralisi, ma anche il servizio di riabilitazione psichiatrica che viene oggi assicurato dai circa 2000 operatori dipendenti della Gesco, agenzia di promozione e sviluppo sociale.

Continua a leggere

In un documento inviato di recente al Direttore Generale dell’ASL Salerno 2, anche gli psichiatri di Salerno hanno chiesto l’abolizione della reperibilità psichiatrica territoriale che, di fatto, è illegale. I primi psichiatri che ne chiesero l’abolizione furono quelli dell’Asl Napoli 5 nel 2005: a luglio di quest’anno se ne discuterà al TAR della Campania e la decisione potrebbe portare alla definitiva riorganizzazione del servizio di assistenza in emergenza.

Continua a leggere

Quello che noi psichiatri e neurologi operanti nei servizi territoriali o nei reparti psichiatrici dell’Umbria vediamo, sono servizi spesso sottopersonale in cui il lavoro psichiatrico è di fatto usurante, pericoloso ed è facile la possibilità di incidenti.

Continua a leggere

Il convegno si propone di esplorare il significato,
giuridico e politico, del concetto di “dignità”, che
ha assunto recentemente un particolare rilievo
costituzionale, essendo posto a fondamento della
“Carta dei diritti “ dell’Unione Europea.

Continua a leggere

(Fonte: http://www.evaonlus.it )
Il bilancio presuntivo 2007 che ha presentato il Comune di Napoli ha previsto un taglio del 15 per cento per le politiche sociali.
Il che significa la sospensione di alcuni importanti servizi di sostegno all’infanzia e alla genitorialtà.

Continua a leggere

L’Aipsi-Med desidera ringraziare ancora una volta Simone Cristicchi e il suo Staff (Max in primo luogo) per aver segnalato sul suo Blog al link http://www.cristicchiblog.net/2007/03/21/dare-un-po-di-voce/ il messaggio dei genitori e familiari dei pazienti che denunciano lo stigma nei confronti di chi soffre per un disturbo psichiatrico, le carenze dell’assistenza psichiatrica, e chiedono un’assistenza dignitosa per i propri figli o familiari.
L’Aipsi-Med aveva già ringraziato in precedenza l’artista per la sua canzone-poesia poichè la ritiene un raro esempio di lotta allo stigma e condivide p

Continua a leggere

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un operatore della salute mentale che denuncia le speculazioni sulla legge 180 e la scarsa considerazione per la riabilitazione psichiatrica.

Ho letto con molta attenzione e vivo interesse l’articolo sui genitori dei pazienti psichiatrici anche perchè chi si è “sporcato le mani” con la malattia mentale sa bene di cosa stiamo parlando.
La legge 180 ancora oggi rappresenta l’unico punto di svolta della psichiatria in tutta la sua storia. Peccato che anche sulle buone leggi si debba speculare.

Continua a leggere

In questa video intervista girata a Napoli, un gruppo di genitori di pazienti affetti da malattie mentali parla di cosa significa vivere con un figlio affetto da un disturbo psichiatrico e denuncia le carenze dell’assistenza psichiatrica pubblica e il sentimento di abbandono da parte delle Istituzioni. Il gruppo di genitori si è riunito nell’Associazione Il Filo, con sede a Napoli, e intende portare a conoscenza di tutti il seguente messaggio.

Continua a leggere

Parla il professor Zappella, nipote dello psichiatra-scrittore
«Le cure possono ridare ai pazienti la gioia di vivere»

SIENA. “Ti regalerò una rosa”, la canzone di Cristicchi sui matti, non l’ha
sentita, né ha visto il documentario o letto il libro, ma non ce n’è
bisogno: Michele Zappella, primario di neuropsichiatria infantile
all’ospedale universitario di Siena, è il nipote dello scrittore e psichiatra
Mario Tobino, figlio della sorella Tilde, e di malattia mentale ne mastica
da sempre.

Continua a leggere

Le mie origini sono italiane, nata e cresciuta in un altro Paese, con poche differenze culturali, per non dire nessuna.
La vita mi ha messo a dura prova. Fin dall’infanzia ho ricevuto maltrattamenti soprattutto psichici.

Continua a leggere