From the monthly archives: marzo 2008

In merito agli Articoli 34 e 35 della Legge 180, quelli che regolano il TSO, l’impalcatura della Legge è causa di grosse incertezze per lo psichiatra e gli stessi pazienti, perché la legge sanitaria riguardante i pazienti psichiatrici è fondata su principi che sono in totale contraddizione con quelli che ispirano i Codici Civile e Penale.

Continua a leggere

La politica regionale focalizza le risorse quasi esclusivamente sulle psicosi gravi (per es. schizofrenia), che vengono curate privilegiando gli aspetti socioassistenziali e negando o demonizzando cure basate su evidenze scientifiche e accettate dai protocolli internazionali.

Continua a leggere

I paesi europei hanno cominciato a modificare la legge sulla salute mentale già 50 anni fa, ovvero, 20 anni prima dell’Italia (la Francia nel 1956, la Gran Bretagna nel 1959, la Svezia nel 1966, il Belgio nel 1960). Le leggi sono state poi successivamente modificate ed integrate nel corso degli anni Settanta ed Ottanta (Francia 1981, Gran Bretagna 1983, Svezia 1982, Spagna 1982, Olanda 1972, Irlanda 1981, Baviera 1982, Norvegia 1981).
In merito alle situazioni di emergenza, tutte le leggi europee prevedono il ricovero d’autorità in caso di necessità.

Continua a leggere

Aveva inviato il certificato elettorale al presidente della Repubblica, ma gli agenti del commissariato glielo hanno riportato a casa. Gennaro Esposito, psichiatra di Saviano, aveva spedito, dieci giorni fa, a Giorgio Napolitano il certificato per denunciare il disastro ambientale dell’area Nolana. Il medico di Saviano è tra gli otto cittadini campani che si sono sottoposti alle analisi del Pacific Rim Laboratories di Surrey, in Canada. «Nel mio organismo – ha detto – sono presenti 47,52 picogrammi di diossine più alcuni metalli pesanti come alluminio e cromo.

Continua a leggere

È una costellazione di rare mutazioni in molti geni a provocare la schizofrenia, ma ciascuna di esse – questa è la novità – può variare da paziente a paziente e riguardare geni differenti. Nel loro complesso, tuttavia, esse danno luogo ai quadri tipi delle diverse forme di schizofrenia.
questa la conclusione di una ricerca dell’Univeristà di Washington e dei Cold Spring Harbor Laboratories diretta da Tom Walsh, e confermata da una successiva ricerca presso i National Institute of Mental Health (NIMH), di cui viene dato conto in un articolo pubblicato su “Science”.

Continua a leggere

Ieri, mentre il Ministro della Salute Livia Turco invitava gli italiani a mangiare la mozzarella perchè sicura, poco dopo affermava che le Linee di indirizzo per la salute mentale approvate la scorsa settimana, sono “molto importanti, e daranno risultati concreti”.
Ma tutti ricordiamo le affermazioni del Ministro prima della caduta del governo in difesa della Casta o Cosca che dir si voglia. Infatti in un’intervista all’Unità affermò: “Clemente Mastella e’ stato un ministro bravo e coraggioso.

Continua a leggere

“Ai cittadini posso dire di stare tranquilli”. Agli italiani il ministro della Salute, Livia Turco, rivolge una vera e propria rassicurazione: “Mangiate la mozzarella”. A margine di un convegno sulla salute mentale in corso ieri a Roma, il ministro ha sottolineato come l’allarme sulle ‘mozzarelle alla diossina’ abbia dimostrato che il nostro è “un grande sistema di sicurezza e prevenzione che tutela la salute dei cittadini prima di tutto, come previsto dal dettato costituzionale”.

Continua a leggere

Psichiatria Democratica Pugliese esprime il proprio dissenso sull’attuale stesura del Regolamento Regionale relativo all’organizzazione delle strutture riabilitative psichiatriche, attualmente all’esame della Commissione Sanità.
Va subito chiarito che il dissenso non riguarda la parte del regolamento relativa all’adeguamento contrattuale degli operatori delle strutture riabilitative psichiatriche, anzi ci si auspica l’estensione del riconoscimento dei diritti a tutti i lavoratori del privato convenzionato e accreditato dell’intera Regione.
E’, invece, in totale dissenso circa la riconversion

Continua a leggere

Il caso del paziente deceduto a Cagliari: i medici come «lupi cattivi» da dare in pasto all’opinione pubblica

A seguito del decesso di un paziente nel Servizio psichiatrico di diagnosi e cura (SPDC) di Cagliari, in merito al quale non è stata ancora espressa nessuna sentenza, i vertici della salute mentale e la signora Gisella Trincas, che afferma di rappresentare i familiari dei pazienti psichiatrici, hanno rilasciato pubblicamente dichiarazioni sul personale medico del medesimo fingendo di non conoscere (o forse non conoscendo affatto) i problemi delle emergenze psichiatriche in un repar

Continua a leggere

Trasferito in ospedale dopo l’arresto per maltrattamenti
SASSARI. Doo avere picchiato moglie e figlia ha chiesto aiuto ai carabinieri e al giudice: «Non ce la faccio più. Ogni tanto sbaglio, ma in quei momenti non capisco niente». La settimana scorsa, dopo un’altra crisi, aveva patteggiato sei mesi di reclusione. Già allora era chiaramente che non stava bene.
Un artigiano senegalese, arrestato dai carabinieri, ieri ha ammesso in tribunale di avere un forte disagio psicologico. Per lui, più che la cella, ci vuole una stanza di ospedale.

Continua a leggere