From the monthly archives: luglio 2009

Continua a leggere

(AGI) – L’Aquila, 31 lug. - “L’indagine della Commissione Parlamentare sulla Sanita’ sulle strutture di riabilitazione psichiatrica del Gruppo Villa Pini e le verifiche del Dipartimento di Prevenzione della Asl di Chieti, hanno confermato il grave, vergognoso ed incivile stato in cui sono tenuti i pazienti psichiatrici in Abruzzo e, in particolare, nella provincia di Chieti”.

Continua a leggere

Tradizionalmente, i pazienti non hanno mai avuto voce, ma recentemente alcune innovative metodologie di monitoraggio della soddisfazione dei pazienti e degli outcome sono state implementate. Se ne discutono pro e contro in un articolo pubblicato dal British Medical Journal.

Continua a leggere

Wikipedia di nuovo al centro di una polemica. Nonostante una severa metanalisi su Rorschach e altri test proiettivi, pubblicata su Scientific American, ha dimostrato che il test di Rorschach è inaffidabile e non scientificamente valido, psichiatri, psicologi ed editori si sono infuriati poichè James Heilmann, un medico canadese, ha pubblicato sulla famosa enciclopedia libera le 10 tavole e le soluzioni del test (come si può vedere a questo link). Il test proposto negli anni venti dallo psichiatra svizzero Hermann Rorschach – nel quale si chiede ai soggetti di descrivere ciò che vedono in una serie di dieci macchie d’inchiostro – è il più popolare tra i metodi proiettivi ed è somministrato ogni anno a centinaia di migliaia, o forse milioni, di persone. A dispetto della sua popolarità, il sistema inciampa su due importanti criteri che risultavano già problematici per il Rorschach originale: l’affidabilità nella valutazione e la validità. Uno strumento affidabile nella valutazione porta a risultati analoghi indipendentemente da chi valuta e tabula le risposte. Una tecnica è valida se misura ciò che intende misurare. Per capire i difetti del Rorschach occorre sapere qualcosa sul modo in cui si interpretano le risposte date di fronte alle macchie di inchiostro. E’ sconcertante che le analisi indichino l’inefficacia del Rorschach nell’individuare molte condizioni psichiatriche. Inoltre, per quanto gli psicologi somministrino il Rorschach per stabilire la propensione alla violenza, all’impulsività e al comportamento criminale, le ricerche fanno ritenere che nemmeno per questi obiettivi il test sia valido. I risultati tratti dalle macchie d’inchiostro sono forse ancora più fuorvianti per le minoranze etniche. Il complesso delle ricerche solleva seri dubbi sull’uso del Rorschach negli studi di psicoterapia e nei tribunali. 

Continua a leggere

La donna, 38 anni, è stata fermata in tempo dalla madre. E’ in cura presso una struttura dell’Usl per problemi psichici. E’ stata sottoposta a un provvedimento di fermo

Continua a leggere

Il Rorschach e altri test proiettivi sottoposti a una severa metanalisi

Continua a leggere

di MAURIZIO MOTTOLA. In Toscana sono in arrivo le pagelle anche per i “primari” (secondo l’attuale definizione i direttori delle strutture complesse). Dopo i manager, già sottoposti a valutazioni dal 2005, in tale regione anche il lavoro dei 1.100 direttori delle strutture complesse, che dirigono reparti o servizi territoriali, sarà analizzato in base ai risultati ottenuti.

Continua a leggere

Benevento. L’Asl ha inviato un dossier alla procura sulla vicenda del ricovero di Saverio Sparandeo, «elemento apicale dell’omonimo clan», per due mesi all’ospedale Rummo, in psichiatria. Dall’interno del nosocomio, secondo la Dda, Sparandeo avrebbe continuato ad organizzare estorsioni.

Continua a leggere

(ANSA) – BARI, 30 LUG – I bilanci dei partiti politici del centrosinistra della Regione Puglia vengono acquisiti dai carabinieri a Bari. Sono una quindicina le persone indagate, tra queste l’ex assessore regionale alla Sanita’ Alberto Tedesco, ora senatore. L’indagine riguarda il presunto intreccio tra mafia, politica e affari nella gestione degli appalti nel settore sanitario. Le acquisizioni vengono fatte nelle sedi regionali di Pd, Socialisti, Prc, Sinistra e Liberta’, e Lista Emiliano.

Continua a leggere

Treviso. Ha telefonato al 112 annunciando che si sarebbe tolto la vita dopo aver ucciso la moglie. È accaduto martedì a Zerobranco, protagonista un cinquantenne caduto in depressione dopo aver perso il lavoro.

Continua a leggere