From the monthly archives: agosto 2010

Cosa pensano i bambini

On 31 agosto 2010 By

Le capacità cognitive dei bambini molto piccoli sono decisamente superiori a quanto si ritenesse. Per esempio immaginano le esperienze di un’altra persona e colgono le relazioni causa-effetto. I bambini imparano a conoscere il mondo come gli scienziati: eseguono esperimenti, analizzano statistiche e formulano teorie che spiegano le loro osservazioni.

Continua a leggere

Gli ospedali italiani sopravvivono grazie ad assegnisti e precari cronici. I camici bianchi si dividono tra professione pubblica e studio privato, due attività diverse con confini sempre più sfumati. Tutto è frutto di un sistema sanitario malato che si nutre di turni sfibranti e di contese in sala operatoria. Nella nostra sanità ci sono all’incirca 43 mila precari, in bilico tra bilanci costantemente in rosso e «razionalizzazioni irrazionali». Un fenomeno, questo, in costante peggioramento.

Continua a leggere

E’ stato isolato il primo fattore genetico dell’origine del mal di testa. Si tratta di una mutazione sul cromosoma 8 che risiede tra due geni Pgcp e Mtdh/Aeg-1. La scoperta è del team internazionale guidato da Aarno Palotie dell’International Headache Genetics Consortium del Wellcome Trust Sanger Institute, con la partecipazione della GlaxoSmithKline Research and Development di Verona.

Continua a leggere

Laura Salpietro, 30 anni, e il figlio Antonio, nato con un cesareo al Policlinico di Messina sono fuori pericolo, nonostante la scandalosa lite avvenuta tra medici in sala parto. Protagonisti dello scontro due ginecologi, Antonio De Vivo, di fiducia della gestante, e Vincenzo Bendetto, responsabile in quel momento della sala parto. La madre ha avuto complicazioni risolte con l’asportazione dell’utero, il neonato ha accusato sofferenze cardiorespiratorie. Madre e figlio potrebbero lasciare già oggi la rianimazione anche se il neonato resta sotto osservazione.

Continua a leggere

 

Scopo della ricerca. Definire la prevalenza dei disturbi mentali in una casa circondariale italiana e descrivere i principali trattamenti psichiatrici forniti. Metodi. Studio descrittivo osservazionale dei detenuti maschi consecutivamente inviati, in 34 mesi, per una valutazione psichiatrica, tra la popolazione (N = 1683) della casa circondariale “Torre del Gallo”, Pavia; valutazione diagnostica clinica secondo il DSM-IV e analisi retrospettiva dei trattamenti psichiatrici, colloqui psichiatrici e prescrizioni farmacologiche forniti. Risultati. 320 uomini (19%) avevano uno o più disturbi mentali attuali (escludendo i disturbi correlati a sostanze): 16 (1%) psicosi; 71 (4,2%) disturbi dell’umore; 32 (1,9%) disturbi d’ansia; 46 (2,8%) disturbi dell’adattamento; 96 (5,7%) disturbi di personalità; 54 (3,2%) disturbi di personalità + disturbi dell’umore; 5 (0,3%) ritardo mentale. Si rileva comorbilità per disturbi correlati a sostanze (N = 166, 51,9%) e ad HIV (N = 49, 15,3 %). I colloqui psichiatrici sono erogati principalmente per psicosi e disturbi di personalità associati a disturbi dell’umore. Sono frequenti le prescrizioni offlabel di neurolettici. Conclusioni. La prevalenza dei disturbi mentali in questa popolazione è più elevata delle analoghe medie statunitensi ed europee e, per alcuni sottogruppi diagnostici, potrebbe essere sottostimata. La gestione psichiatrica in carcere dovrebbe essere riorganizzata secondo le linee-guida sanitarie nazionali ed europee.

Continua a leggere

Ha strangolato la moglie e poi ha chiamato la nuora per avvertirla dell’omicidio appena commesso. E’ accaduto a Cinisello Balsamo. Ezio Loprieno di 69 anni ha ucciso, soffocandola, la moglie Mariangela Corna di 63 anni. L’omicida, secondo quanto si e’ appreso, sarebbe affetto da problemi psichiatrici ed era in cura presso un centro di igiene mentale a Bergamo. Gli agenti hanno trovato Loprieno in stato di choc, accanto al cadavere della moglie. 

Continua a leggere

Non andrà in carcere, ma in una casa di cura, nello specifico l’ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo Fiorentino. I carabinieri hanno eseguito l’ordinanza nei confronti di R.R., pensionato spezzino di 56 anni accusato di aver fatto saltare, con un ordigno rudimentale, il quadro elettrico del palazzo dove abita di proprietà dell’Arte, in viale Italia. I fatti risalgono al 19 giugno scorso. A incastrarlo’ sono state le indagini condotte dai militari dell’Arma e dai vigili del fuoco, soprattutto le analisi del Ris.

Continua a leggere

PERUGIA La panoramica sulla sanità scattata dalla Cgil funzione pubblica non poteva ignorare il caso del «Repartino», il servizio di riabilitazione psichiatrica di via Enrico dal Pozzo, ora oggetto anche di un’inchiesta parlamentare a firma dei Radicali. Scarpelli, in merito al dibattito aperto dall’opinione pubblica e dalle forze politiche sul trasferimento o meno della struttura, ribadisce il «sì» del sindacato ad inglobare Psichiatria all’interno della rete ospedaliera.

Continua a leggere

PADOVA. Terrazze chiuse come gabbie e divieto di uscire dall’edificio dopo le 18.30. Protestano e minacciano di interrompere le terapie 53 pazienti della clinica psichiatrica “Villa dei Tigli” di Teolo (Padova), una casa di cura privata specializzata in patologie neuropsichiatriche, convenzionata con il Ssn. I degenti chiedono di poter dialogare con i responsabili della casa di cura e ottenere l’utilizzo anche serale del parco.

Continua a leggere

 

Tra i minorenni detenuti nelle carceri statunitensi, i due terzi dei ragazzi e i tre quarti delle ragazze soffrono almeno di un disturbo psichiatrico. 

Il quadro a tinte fosche viene fuori da un’indagine, la più ampia e effettuata finora, svolta da Linda Teplin, della Northwestern University e dai suoi colleghi dell’università di Chicago che hanno preso in esame per oltre 4 anni i ragazzi del Cook County Juvenile Temporary Detention Center (Chicago). 

Continua a leggere