Nonostante l’aumento del numero di studi pubblicati di morfometria voxel based nella schizofrenia, non c’è stato un tentativo adeguato di esaminare le anomalie della sostanza grigia (GM) e bianca (WM) e l’eterogeneità dei dati pubblicati. Nel presente articolo abbiamo usato una tecnica di metanalisi basata su coordinate per esaminare contemporaneamente le anomalie di GM e WM nella schizofrenia e valutare l’effetto di genere, cronicità, sintomi negativi e altre variabili cliniche. Nella metanalisi sono stati inclusi 79 studi che soddisfacevano i criteri di inclusione.
La schizofrenia era associata a riduzioni di GM in insula bilaterale /corteccia frontale inferiore, giro temporale superiore, giro cingolato anteriore/ corteccia frontale mediale, talamo e amigdala sinistra. Nelle analisi della WM delle immagini volumetriche e pesate per la diffusione, la schizofrenia era associata a diminuzione di anisotropia frazionaria FA e/o WM nelle fibre interemisferiche, radiazione talamica anteriore, fascicoli longitudinali inferiori, fascicoli occipitali frontali inferiori, cingolo e fornice. Il genere maschile, la malattia cronica e i sintomi negativi erano associati ad anomalie di GM più gravi e la cronicità della malattia era associata a deficit di WM più gravi. Le metanalisi hanno rivelato una sovrapposizione dei risultati strutturali di GM e WM nella schizofrenia, caratterizzati da anomalie di GM corticali bilaterali anteriori, subcorticali e limbiche, e modificazioni di WM in regioni che includono i tratti che connettono queste strutture entro e tra gli emisferi. Tuttavia i dati disponibili sono falsati dalle caratteristiche del campione con schizofrenia a prognosi infausta.

Fonte: Bora E, Fornito A, Radua J et al.- Schizophrenia Research 2011;127(1-3):46-57
Melbourne Neuropsychiatry Centre, Department of Psychiatry, University of Melbourne and Melbourne Health, Australia; Department of Psychological Medicine, Institute of Psychiatry, King’s College London, London, England, UK; Developmental and Functional Brain Imaging, Critical Care and Neurosciences, Murdoch Children’s Research Institute, The Royal Children’s Hospital, Parkville, Victoria, Australia. Via “psichenews”

 
Lascia un commento con:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>