Viki

Communication between two human beings have already been extensively studied and the rules of same are those of which we are already well aware. Verbal communication is the first step of a relationship between two thinking beings and has been for millennia the principal mode of exchange.

The first words were written with the use of the papyrus in the Mediterranean area in 4000 BC.. followed by runes engraved on wood or on the bark of a tree, as the Celtic peoples used, but have proved a barrier to the construction of literature, which for centuries was defined as an oral tradition. Fairy tales, legends and myths were transmitted in this oral tradition. To effect an emotional change from the written word belonging to different races, different ethnic groups, different languages has been the cause of serious differences between men, creating the feeling that one man was not equal to another and thus a cause for war..

The diversity of alphabets that encompasses the written word has built barriers that still exist. The barriers sometimes consist of the actual boundaries of nations in a geographical sense, which can, literally, be oceans or mountain ranges. Think of the chain of the Rift Mountains in Africa, or our more modest Alps in Europe, the Mediterranean that separates us from the Maghreb to the ocean between the new worlds in more recent times, Europe and America, or the spaces between Asia and Australia.

Non-verbal gestures and posture can also represent serious misunderstanding and can of course also lead to war.. Even the diversity of myths of origin and of death, of the fundamental steps of the emotional growth of man and woman, the building blocks of the religions and sacred teachings can be misconstrued by those for which they were not intended.

The first communications of the modern era in which language loses the connotations of the swamp (the swamp in the sense of enclosed space with self-referential rules) is Morse Code, which begins an era toward the sharing of worlds in a neutral way.

Internet in its similarity to the human brain with its endless amount of information and links upon links represents the infinite complexity of the superbrain which reminds us of the characteristics of modern science fiction.

The first for me is Isaac Asimov and his dream of psychohistory, as is found in his work “Foundation” with its interconnecting telepathinc links of the supermind as specific to our galaxy. . The rules of the mathmatics of psychohistory were based on the numbers of galactic populations. It was possible to predict events with sufficient information.

His reference to the superbrain computer Viki n “I, Robat,” who regulates the life of the city; electrical services, water, traffic, even defense, decides what is best for humans with the end result being Viki deciding to cull the humans of antirobatic types. In this respect, Viki comes to life as a decision maker.

There is also the automaton in the first film of Fritz Lang, the masterpiece “Metropolis”, 1927. The following video will illustrate cinema as predictor of the future.

Today we have the internet, our own super entity. We can send a simple email to another , we can search for any amount of human knowledge, there are vast social networks linking huge numbers of human beings, and this is an entirely new form of communication. Between the two human beings who are communicating there is a superbrain. Now we are surpassing the written word of millennea into this new age and we have created a new being in the process…

“Cultural Icons”, di Tina Lepri

I am contemplating the significance of cultural icons in music and film. The words that stay with us from songs of a certain time in our life, evoking particular images and memories…. The scenes, from the cinema that make those dramatic statements that are unforgettable and speak clear truth in those small moments.

For example, the use of water as puriification, washing away makeup, artifice, the shower as an intmate place where the soul is revealed, naked. The most famous is of course Hitchcock’s shower scene in “Psycho”…. where the woman is totally revealed, totally vulnerable in that intimate, private space… as was Kevin Spacey’s shower scene in “American Beauty”, Jeff Bridges in the shower with his dog in “A Dog Year”, Alec Baldwin in “Hunt for Red October” in the shower imitating the admiral, Tom Cruise’s post shower scene “Top Gun” with towel and wet hair, the scene that made him a star, Harrison Ford in Roman Polanski’s “Frantic”, as his wife utterly disappears while he was in the shower…..

Then there are the great scenes shot in the rain, washing away everything in a similar manner….think of Rutger Hauer’s tears in the rain….time to die… in “Blade Runner”; “A Quiet Man “,John Wayne kissing Maureen O’hara in the rain: as he, drenched, gives her his coat revealing his own naked soul; “It Happened One Night”, Clark Gable again revealing his deeper self in a drenched shirt, and of course, “Casablanca”.,Humphrey Bogarts’ famous rain scene at the airport…

In 2008 the exceptional Katherine Bigelow’s Oscar winning entry, “The Hurt Locker” we see the actor fully clothed, in fact, in full uniform, helmet and gun included, in a shower scene that, like all the others, is not about nudity or sex, but about a revelation of the soul…. And so the film’s deeper truth. This is what i am thinking about today.

Quale disabilità?

Io credo che il primo problema per una persona disabile, uomo o donna, sia l’autostima. La società, attorno a te, ti considera comunque un problema, vede e sottolinea il deficit, l’involucro, l’apparenza, non la sostanza, non i sentimenti, i progetti di vita, e paradossalmente non ti consente neppure di far vedere con chiarezza i tuoi difetti, di carattere, di volontà, di qualità. E così l’handicap diventa da un lato un alibi, dall’altro una corazza.

Sono parole di Franco Bomprezzi, giornalista e scrittore, tratte dal blog “InVisibili” del Corriere della Sera (http://invisibili.corriere.it/2012/03/10/anche-io-tanti-anni-fa/). La sua riflessione, nello specifico, si inserisce in un dibattito sul rapporto che la società ha con il disabile fisico (lo stesso Bomprezzi è costretto su una sedia a rotelle a causa di un’osteogenesi imperfetta) e con il suo desiderio e il suo diritto alla sessualità.

In questa citazione, tuttavia, il discorso è di più ampio respiro e tocca un punto secondo me fondamentale: la doppia valenza della disabilità, che stritola in una morsa il soggetto e finisce per soffocarne l’individualità e la sua affermazione. E’ un discorso generale, che interessa anche il paziente psichiatrico, in quanto espressione di un’ “alterità” che la società non vuole vedere perché la riguarda e, quindi, la spaventa. Ed è qui che nasce lo stigma esterno, da una società che si rapporta alla persona attraverso il filtro di una categoria (“i disabili”, fisici o psichici fa poca differenza), che aumenta le distanze e de-individualizza, finendo per far coincidere il soggetto con la sua mancanza e per privarlo così di pressoché ogni caratteristica e peculiarità soggettiva.

Se si vuole combattere ed abbattere sempre di più lo stigma, dunque, non si può secondo me non tener conto dell’handicap, ovvero della disabilità socialmente determinata. Alle attività di informazione e prevenzione, assolutamente preziose, bisognerebbe affiancare quelle di educazione. Per propugnare una cultura della valorizzazione del soggetto, una cultura che non riconosca nelle limitazioni individuali dei deficit ma delle potenzialità alternative, che non si rapporti all’individuo in difficoltà attraverso il filtro di una categoria, ma che ricerchi forme di inter-azione umana non stereotipate ed autentiche.

A Rimini il Summit Modern Money Theory (MMT) in Italia

In Italia il corso di formazione in Modern Money Theory (MMT) è in programma a Rimini, al 105 Stadium in piazzale Pasolini 1/C, da venerdì 24 (con inizio alle ore 21,30) a domenica 26 febbraio 2012 (con termine alle ore 18,15), con relazioni di William Black (J.D., Ph.D., Associate Professor of Law and Economics at the University of Missouri-Kansas City), Michael Hudson (President of The Institute for the Study of Long-Term Economic Trends -ISLET-, a Wall Street Financial Analyst), Stephanie Kelton (Ph.D., Associate Professor of Economics at the University of Missouri-Kansas City), Marshall Auerback (expert in investment management), Alain Parguez (Emeritus Professor of Economics Ist Class, Université de Franche-Comté at Besançon – France -, Faculty of Law, Economics and Political Science), economisti di statura mondiale e forniti di solido curriculum. La Modern Money Theory (MMT) è oggi probabilmente l’unico strumento esistente di scienza economica e sociale, che sia in grado di interferire efficacemente con il processo di “finanziarizzazione dell’economia” (che è il passaggio dal capitalismo produttivista -quello che investe il denaro per la produzione di merci traendone profitto- al capitalismo dei mercati finanziari -quello che lucra denaro per mezzo del denaro-) e di contrastare la preminenza del sistema bancario, che sta sovrastando la politica e la democrazia. L’aspetto principale della Modern Money Theory (MMT) è mettere al centro la capacità dello Stato sovrano di creare ricchezza emettendo moneta. Al contrario, l’euro, che non è moneta sovrana di nessuno dei paesi dell’Eurozona, costringe gli Stati ad indebitarsi come un comune cittadino con le banche. Sarebbe importante rendere tutti i cittadini consapevoli di questo aspetto, perché è in tale ambito che si gioca il futuro dei cittadini. Alain Parguez ha così scritto in relazione al summit Modern Money Theory (MMT) in programma a Rimini: “Porterò le ultime ricerche che svelano come il golpe finanziario sia stato attentamente pianificato da Francia e Germania che sono le eminenze grigie dell’asse Vaticano-Bruxelles. Ma fin dai tempi di Mitterrand, i suoi consiglieri sapevano perfettamente che tutta la base industriale del sud Europa sarebbe stata distrutta, per formare lì un nuovo impero “coloniale”. Ora, per venire ai giorni nostri, va detto, e vi spiegherò, come i debiti nazionali europei, e i presunti danni che comportano, siano stati grandemente sopravvalutati. Perché? Perché le grandi banche devono essere sovra-compensate per le loro perdite dovute alla speculazione su quei debiti. Infatti i tassi d’interesse “shylockiani” (Shylock è il personaggio del ricco usuraio ebreo ne Il Mercante di Venezia di Shakespeare, ndr) sui debiti dell’Eurozona sono una cornucopia per le grandi banche europee e per le corporations che li percepiscono. L’Euro è comunque destinato a collassare, portandosi con sé le austerità, la distruzione di ogni spesa di Stato produttiva e le privatizzazioni selvagge. Venendo al vostro Summit, mi inchino di fronte agli italiani, perché un evento di questo tipo sarebbe impossibile qui in Francia o in Germania.”. Tra l’altro nella tavola rotonda di sabato 25 febbraio sera i 5 economisti discuteranno questo tema: “Occupy Wall Street e gli altri movimenti sono lo 0,1%. Il 99,9% è a fare shopping – La vera tragedia delle democrazie attuali è che la gente ha perduto la capacità di reagire persino di fronte all’inimmaginabile reso plausibile. Possiamo riattivarci?”. Per informazioni: http://www.democraziammt.info/ e http://www.youtube.com/watch?v=vanWVMUWF2U

La follia e Jimi Hendrix

Jimi Hendrix
“La follia è come il paradiso. Quando arrivi al punto in cui non te ne frega più niente di quello che gli altri possono dire…..sei vicino al cielo”. Jimi Hendrix

Qualità della vita nelle malattie neoplastiche: conversazione con Sara Diamare ed Augusto Iazzetta

Martedì 17 e mercoledì 18 gennaio 2012 si è svolta alla Fondazione Pascale di Napoli il convegno “La qualità della vita nelle malattie neoplastiche”. Alla psicologa e psicoterapeuta Sara Diamare, tra le relatrici del convegno, ed all’oncologo e dietologo Augusto Iazzetta, della segreteria scientifica, abbiamo posto alcune domande.

- Di che cosa ha trattato il convegno La qualità della vita nelle malattie neoplastiche?

(Augusto Iazzetta) – In particolare ha riscosso,come previsto, grande interesse la relazione di F. Berrino che è uno dei maggiori esperti sulla dieta mediterranea a livello europeo e mondiale. Egli ha portato dati che suffragano la grande importanza della dieta non solo come prevenzione, ma come prognosi delle malattie neoplastiche, nel senso che pazienti affetti da tumore, se seguono una dieta secondo lo stile mediterraneo, hanno una migliore prognosi sia come riduzione di recidive e progressione, che come sopravvivenza. Sono state evidenziate le attività della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori ed il grande impegno profuso in essa da Adolfo Gallipoli, suo presidente e primario radiologo del Pascale. Gli effetti sulla qualità della vita dei pazienti, dall’accompagnamento all’offerta di manifestazioni ed iniziative sociali che rafforzano l’umore e la capacità di tollerare percorsi ancora vissuti in modo sofferto, all’assistenza domiciliare offerta gratuitamente sono ampiamente emersi dal dibattito, arricchito dai contribuiti specifici per le associazioni rappresentate da Sara Boscaino, vicepresidente di “Donna come prima”, da G. Colangelo, presidente cittadina dell’Associazione Volontari Ospedalieri (AVO), che ha rappresentato il grande conforto che con la sua diffusione offre ai malati, aiutati non solo amorevolmente, ma anche guidati negli adempimenti delle pratiche ospedaliere; così come Cittadinanza Attiva testimoniata dal Commissario Regionale F. Pascapè. Hanno poi sicuramente colpito gli interventi sulla sessualità, le sindromi che seguono i pazienti durante e dopo le terapie; i contributi offerti per una migliore qualità della vita dalle pratiche offerte dalla fisiokinesiterapia ed attività motorie mirate, illustrate da F. Iazzetta; lo Shiatsu, la musicoterapia attiva. Ha coronato conclusivamente il convegno su questi aspetti nuovi delle terapie integrate in oncologia, che concorrono alla Qualità della Vita (QdV) di pazienti che non vanno visti con disperazione e sempre meno disperati, l’intervento di V. Mattioli, che ha riportato esperienze sul vissuto di pazienti “lungo sopravviventi”, praticamente guariti. Di qui la grande necessità per cui da qualche anno è stata istituita l’Area di Qualità (QdV) presso la Fondazione Pascale di Napoli.

– Lei ha partecipato alla tavola rotonda con il volontariato “La qualità come fatto … non chimera”: che temi sono stati affrontati?

(Sara Diamare) – Sono psicologa del Servizio Controllo Qualità ed ho partecipato alla tavola rotonda in qualità di coordinatrice della rete HPH & HS (Health Promoting Hospital & Health Service) dell’Azienda Sanitaria Locale Napoli 1 Centro, che nel 2003 ha aderito alla Rete degli Ospedali per la Promozione della Salute, come Capofila per la regione Campania. Tale rete testimonia l’attenzione verso il movimento internazionale della promozione della salute e della qualità della vita per connettere la nostra attività ad altre ASL ed Ospedali della Regione, onde attivare, implementare e dare visibilità ai progetti posti in essere. Il metodo è quello di applicare i principi della Carta di Ottawa per la Promozione della Salute e della Dichiarazione di Budapest per riorientare l’assistenza sanitaria in Ospedale e dare empowerment ai pazienti, partendo dalla consapevolezza degli operatori sui propri stili di vita, in quanto essi stessi promotori e modelli di salute, fino ad estendere questa cultura alla comunità. Empowerment significa rendere gli individui, le famiglie e le comunità in grado di prendere il controllo e acquisire un ruolo attivo sulla loro vita e sul loro ambiente (Rappaport, 1981) per sostenere il miglioramento della qualità e degli stili di vita. Proprio di tali temi si occupa la rete HPH che, insieme alle Associazioni di Volontariato, sono a sostegno della salute e le cui strategie d’intervento sono tendenti all’empowerment. Infatti, per promuovere la salute e prevenire le malattie bisogna aumentare la consapevolezza del proprio psicosoma e sviluppare un linguaggio condiviso nell’ottica dell’integrazione tra i vari ruoli, competenze e professionalità. Un empowerment efficace si avvia con un processo di coscienza, che consente all’operatore, volontario o in ruolo, di proporsi come modello di sani stili vita. Ciò, è acclarato, aumenta la compliance al trattamento e dà più forza ad un’azione preventiva, poiché parte da una profonda convinzione divenuta scelta di vita e condivisione di intenti. Promuovere la salute diviene dunque un processo di crescita personale che, attuandosi attraverso la sperimentazione diretta e l’applicazione pratica, restituisce agli operatori, ai pazienti ed al volontariato sociale quel senso di appartenenza alla comunità e quel nutrimento dell’anima che fin dai primordi ha costituito la radice di tutte le formule di integrazione sociale e terapeutica.

— Che ruolo sta svolgendo la psiconcologia nell’incidere sulla qualità della vita dei pazienti neoplastici?

(Sara Diamare) – Fin dal 1948, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dichiarava essere la salute qualcosa di più dell’assenza di malattia: uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale. Le strette interconnessioni tra benessere e psicosomatica si comprendono meglio in seguito alle scoperte scientifiche che sanciscono il forte legame tra cervello e sistema immunitario (Schwartz, 1984). Secondo il rapporto dell’OMS esistono alcuni fattori di rischio, come per esempio tabagismo, obesità, malnutrizione, sedentarietà e stress in grado di influenzare concretamente ed in modo negativo lo stile e la durata della vita di un uomo. Questi fattori di rischio sono legati anche alla qualità della vita. La qualità di vita o “benessere” del paziente oncologico è strettamente correlata ai termini “vivibile” e “vivibilità” e riferito a più fattori: dall’accettazione dello stato di malattia ad una maggiore attenzione agli stili di vita da parte del malato e della sua famiglia, sperimentando un proprio diverso equilibrio nell’ambiente familiare e nel tessuto sociale. L’obiettivo è il raggiungimento dell’accettazione della propria patologia, inteso come equilibrio modificato dei bisogni del proprio corpo, distinguendoli dai desideri. In altri termini, si tratta di restituire al paziente la gestione della propria salute per ristabilire un nuovo e più consapevole equilibrio psicosomatico. Per fare acquisire tale empowerment bisogna lavorare e formare alla consulenza competente per interventi sulle crisi, promuovere la formazione di gruppi di mutuo-aiuto, sensibilizzare al sostegno sociale ed al senso di comunità (Orford, 1992; Francescato et al., 1995) attraverso l’acquisizione di competenze comunicative e di vita (life skills). La prevenzione, la promozione ed il miglioramento della qualità della vita sono nello specifico i grandi temi della “Salutogenesi”. L’approccio salutogenico in psiconcologia supporta i processi che hanno il potere di stimolare al sostegno reciproco i membri della famiglia del paziente oncologico, gli amici e le reti di solidarietà sociale. La famiglia, come la comunità, possono essere considerati un organismo, un corpo unico con una propria omeostasi. Ciò significa che ogni cambiamento del sistema-famiglia rappresenta una minaccia per l’equilibrio dell’intero nucleo. La psiconcologia intende favorire quei processi che consentono alla famiglia ed al gruppo di riferimento di sviluppare la flessibilità per adeguarsi a tale evento stressante che, in tal modo, diviene occasione per riscoprire valori più intimi ed emozioni che condivise diventano nutrimento affettivo. La forza del gruppo offre, così, un valido sostegno al paziente ed aiuta i familiari a vivere con maggiore serenità un momento difficile. E’ noto inoltre come, soprattutto per il paziente oncologico, l’alimentazione sia un importante fattore di rischio e come l’aspetto nutrizionale sia metafora di legame alla vita e contribuisca a determinarne la qualità. Il Consiglio d’Europa (Council of Europe. Public Health Committee. Committee of Experts on Nutrition, Food Safety and Consumer Health. Ad Hoc Group Nutrition programmes in hospitals. Food and nutritional care in hospitals: how to prevent undernutrition. Report and Guidelines. Strasbourg, 2002) ha infatti recentemente ribadito che l’aspetto nutrizionale è parte di una visione strategica più ampia del percorso di salute all’interno di un’attività assistenziale e clinica di qualità ed inoltre nelle “Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione ospedaliera ed assistenziale” (documento approvato in Conferenza Stato Regioni il 16 dicembre 2010 e pubblicato in G.U. n. 37 del 15 febbraio 2011) si sottolinea che la Nutrizione deve essere inserita a pieno titolo nei percorsi di diagnosi e cura. Pertanto, dal 2009 la Fondazione Pascale, all’interno del circuito dei Farmer’s Market, mercati a Km zero della Coldiretti Campania, in collaborazione con la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT), ha aperto le porte alla cittadinanza con i “Salotti del Benessere” della Rete HPH & HS incontri salutogenetici fra gli operatori sanitari ed i cittadini per fare acquisire sane modalità di consumo degli alimenti e di come la nutrizione può essere un efficace rimedio terapeutico, metafora di comunione e condivisione.
(Augusto Iazzetta) – Sono oncologo e dietologo, responsabile dell’Area di Qualità della Vita (QdV) nel Dipartimento di Direzione Sanitaria, Farmacia e Qualità della Vita dell’Istituto dei Tumori di Napoli, dirigo la SSD di Dietologia e Nutrizione Artificiale. L’Area funzionale Dipartimentale di Qualità della Vita fu istituita nel 2008 e nel 2011 è stata accorpata alla Direzione Sanitaria. La sua mission è quella di assicurare la migliore qualità della vita ai pazienti neoplastici dalla diagnosi alle fasi più avanzate, che oggi sono sempre di più di cronicizzazione e lunga sopravvivenza, oltre che terminali, con il contributo delle SSD che costituiscono l’area, la dietologia, la psicologia e la riabilitazione. Nell’ambito della QdV ho attivato e dirigo l’ambulatorio di Dietologia ed il Consultorio di Prevenzione Dietetica dei tumori. Vengono attuati counselling ed iniziative per promuovere la salute e prevenire le malattie cronico-degenerative, con lo stile di vita e la dieta mediterranea.