Currently viewing the category: "Enciclopedia E"

EUTANASIA

On 7 ottobre 2008 By

Atto medico deliberato a causare la morte del paziente mediante la somministrazione diretta di una dose letale di farmaci o di altri agenti. Poiché spesso tali pazienti sono affetti da malattie inguaribili o da gravi traumatismi, l’eutanasia è anche detta .

Continua a leggere

L’etosuccimide è un farmaco antiepilettico dei primi anni Cinquanta e attualmente in fase di relativo abbandono, appartenente alla famiglia delle succinimidi (come i preparati minori metsuccimide e fensuccimide). Usato nel trattamento delle crisi generalizzate tipo assenza, ha una vita media di 20-60 ore e il range terapeutico è di 40-100 mg/ml. Il legame con le proteine plasmatiche è pressoché nullo. Provoca importanti effetti collaterali, tra i quali soprattutto trombocitopenia, ipoplasia midollare e disturbi comportamentali (psicosi “alternante” o “ ” ).

Continua a leggere

ETIZOLAM

On 7 ottobre 2008 By

L’etizolam è una tieno-triazolo-benzodiazepina con azione ansiolitica e ipnotica, il cui meccanismo di azione è rappresentato dalla facilitazione della trasmissione neuronale inibitoria mediata dall’acido gamma-aminobutirrico (GABA). Viene rapidamente assorbito dopo somministrazione orale, raggiungendo il picco delle concentrazioni plasmatiche dopo 3 ore circa. L’emivita plasmatica del farmaco e dei suoi metaboliti si aggira intorno alle 15 ore. Trova indicazione negli stati d’ansia, nell’ansia somatizzata e nei disturbi del sonno di varia eziologia.

Continua a leggere

ETICA IN PSICHIATRIA

On 7 ottobre 2008 By

Principi alla base della pratica psichiatrica atti a dirimere in caso di decisioni anche complesse relative ai più fondamentali comportamenti umani nel rispetto dell’uomo. Le due teorie etiche principali sono la teoria utilitaria e la teoria dell’autonomia. La sostiene che l’obbligo fondamentale nel processo decisionale è produrre la maggiore felicità possibile per il maggior numero di persone possibile, o almeno di causare il minor danno possibile.

Continua a leggere

ETEROTOPIA NODULARE

On 7 ottobre 2008 By

Quadro istopatologico caratterizzato dalla presenza di masse nodulari di sostanza grigia eterotopica che si riscontra in molte e svariate situazioni patologiche e cliniche. Può associarsi ad altre malformazioni del SNC, ma in alcuni soggetti non dà luogo a manifestazioni neurologiche. L’epilessia e il ritardo mentale possono essere presenti, ma non necessariamente.

Continua a leggere

ETEROTOPIA A BANDE

On 7 ottobre 2008 By

Detta anche o , è un’ a forte predominanza femminile, caratterizzata da un quadro di modesta pachigiria e uno strato di neuroni nella sostanza bianca, situato tra la corteccia e il ventricolo, ma ben separata da entrambi. L’istologia e l’architettura della corteccia cerebrale appaiono normali. Può essere considerata una forma “lieve” di . Clinicamente è caratterizzata da crisi epilettiche parziali (e poi generalizzate) farmacoresistenti e iposviluppo mentale. I sono comuni con l’avanzare della malattia.

Continua a leggere

ESTINZIONE

On 7 ottobre 2008 By

Fenomeno legato al che si verifica quando lo stimolo condizionato è costantemente ripetuto in assenza dello stimolo incondizionato, in modo che la risposta evocata dallo stimolo condizionato inizia ad attenuarsi e infine scompare.

Continua a leggere

ESTAZOLAM

On 7 ottobre 2008 By

L’estazolam (ESZ) appartiene alla classe delle ed è utilizzato per la sua azione ipnotica. Essendo un GABA-agonista, facilita l’azione inibitoria del GABA a livello del SNC. Tale molecola presenta un’emivita compresa tra le 8 e le 24 ore. A livello epatico viene idrossilato od ossidato e infine coniugato con acido glucuronico. Presenta un metabolita attivo, l’1-oxo-ESZ. Viene utilizzato nel trattamento di tutte le forme cliniche dell’insonnia, sia quelle da disturbo dell’addormentamento sia nei risvegli intermedi.

Continua a leggere

ESOFTALMO

On 7 ottobre 2008 By

Tale termine indica una protrusione del bulbo oculare che viene quantificata con precisione utilizzando l’esoftalmometro. Tale misurazione consiste nel valutare la distanza tra il bordo orbitario esterno e la tangente orizzontale che passa per il bordo corneale (in caso di protrusione tale distanza è compresa tra 25-30 e 35 mm). L’ambito di normalità di tale distanza è compreso tra 12 e 15 mm; quando si riscontra un valore compreso tra 2 e 9 mm si deve parlare di enoftalmo.

Continua a leggere

ESAME PSICHICO

On 7 ottobre 2008 By

Parte della valutazione psichiatrica clinica che descrive l’insieme complessivo delle osservazioni e delle impressioni dell’esaminatore relative al paziente psichiatrico al momento dell’intervista (Kaplan). Comprende vari punti che, durante il colloquio, vanno esaminati singolarmente, ma al tempo stesso con empatia ed entrando in comunicazione profonda con il paziente, in quanto l’atteggiamento dello psichiatra e la modalità di porre le domande non sono mai neutri, bensì terapeutici o patogeni.

Continua a leggere